astound

domenica 8 aprile 2012

Mi ha molto stancato la gente che pensa che l'illustrazione sia un disegnino sdolcinato che decora una pagina con un pezzo di testo.
L'illustrazione vera, ben fatta e molto pensata, è un testo nel testo, va "letta" e interpretata tanto quanto le parole.
Chi apre un libro illustrato (di quelli veri!) dovrebbe farci la cortesia di osservare ATTENTAMENTE le immagini, dovrebbe considerare il prodotto libro SEMPRE nel suo insieme (testo, illustrazioni, risguardi, copertina...).
Un libro non è semplicemente un testo... è più un profumo, un sapore, una sensazione che nascono dall'incrocio di diversi elementi.
L'illustrazione pone dei limiti: un formato, il conto delle pagine... e c'è chi pensa che, invece, l'espressione artistica dovrebbe essere libera, senza vincoli, altrimenti "l'artista" non può esprimersi appieno.
Vedete, cari artisti, è proprio questo il punto, secondo me: un'immagine creata da questo presupposto è un'immagine fine a se stessa, che non dice nulla, fatta per assecondare il proprio ego.
E' il limite che crea la vera ispirazione.

Nessun commento: